«La madre di tutti gli individui». La via dell'arte in Giorgio Colli